venerdì, settembre 24, 2004

Diciamo la verità... non la penso così!

Quattrocchi morì con dignità stupefacente; impartì una lezione di come ci si comporta dinanzi al “plotone d’esecuzione”. […] Qui siamo di fronte a due ragazze [Simona Torretta e Simona Pari, n.d.r.] un po’ balenghe o almeno incoscienti, imbevute di idealismi bertinottiani e dilibertiani, pacifiste (sinonimo di antiamericane) e quindi senza giudizio, le quali hanno aderito al progetto “Un ponte per…” realizzato dall’ala movimentista di Rifondazione, e sono volate laggiù persuase di aver diritto alla incolumità in quanto amiche degli iracheni moderati, come se ce ne fossero. Ingenuità, buona fede, entusiasmo beota? […] Ognuno della propria vita fa quello che gli garba, anche dedicarla agli iracheni. Poi però non si affermi che il governo è obbligato a salvargliela, magari pagando il riscatto coi soldi dello Stato, cioè nostri. Berlusconi ha già parecchi problemi, gli mancava da risolvere quello delle Simone finite nei guai mentre sistemavano i libri nella biblioteca di Bagdad.

(Vittorio Feltri, Libero, 14 settembre 2004)

___________________________________________________________________________________
Ecco cosa riporta uno dei nuovi libri di Storia contemporanea adottato da numerose scuole medie; il brano è tratto dal Capitolo 2, paragrafo 1 (La Sinistra storica al potere):


"Gli uomini della Destra erano aristocratici e grandi proprietari terrieri. Essi facevano politica al solo scopo di servire lo Stato e non per elevarsi socialmente o arricchirsi; inoltre amministravano le finanze statali con la stessa attenzione con cui curavano i propri patrimoni.

Gli uomini della Sinistra, invece, sono professionisti, inprenditori e avvocati disposti a fare carriera in qualunque modo, talvolta sacrificando perfino il bene della nazione ai propri interessi. La grande differenza tra i governi della Destra e quelli della Sinistra consiste soprattutto nella diversità del loro atteggiamento morale e politico"


(Bellesini Federica, "I nuovi sentieri della Storia. Il Novecento", Istit. Geogr. De Agostini, 2003, Novara)


____________________________________________________________________________________
... commenti?...
difficile trattenere le parole... evito solo di non dire parole offensive per gli autori di questi testi (?)...
... ma perchè?...
... ma si! che m'importa?...
... non c'è più tempo, nè voglia, di essere politically correct!

allora, questi che criticano la vita di due persone che partono per fare del bene, questi 'cosiddetti' studiosi che descrivono 'statisti' di sinistra come imprenditori, avvocati, professionisti senza scrupoli, disposti a far carriera in ogni modo e con ogni mezzo (praticamente l'identikit del presidente del consiglio, dei parlamenteri di ForzaItalia, e dei loro elettori...), fanno ridere, sono solo l'ultimo esempio di coloro che usano il cervello solo per le funzioni vitali.. invano, purtroppo!

forse, dovrei augurar loro di trovarsi nelle stesse situazioni ... per capire cosa si prova... ma non sarebbe giusto: qualcuno ha già pensato di regalare a questi personaggi una vita meschina, da succubi di un sistema che non trova di meglio da fargli fare se non quello di scrivere cazzate!

così, come a tutti quelli che hanno un cuore, vero, e pensano la vita in modo diverso dico loro: continuate al alzare gli occhi al cielo, alle stelle... altrimenti rischiereste di calpestare merda come questa!

senzapelle (incorrect!)

1 Comments:

Blogger sandy said...

entro per la prima volta nel tuo blog...
mi piace ciò ke scrivi e per fortuna la penso come te...
continua cosi... l'unica cosa che ci è rimasta è la libertà di pensiero....!!!!!
e la bellezza di esprimerlo!!

ciao!

3:22 PM  

Posta un commento

<< Home